GIORNATA NAZIONALE DELLA SALUTE DELLA DONNA GIORNATA NAZIONALE DELLA SALUTE DELLA DONNA

Violenza, diritto alla salute negato, donne migranti

La donna è ancora l’elemento della società più soggetto a forme di discriminazione e violenza, di diverso genere, anche in Paesi considerati evoluti.

Fenomeno nascosto e talora addirittura negato, la violenza nei confronti delle donne è una tragica realtà confermata da dati impressionanti: un terzo delle donne tra 16 e 70 anni ha subito qualche forma di violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita: il 21% violenze sessuali, il 5% le forme più gravi (stupro o tentato stupro). Per fortuna, negli ultimi anni si registra un’incoraggiante diminuzione in parte legata all’aumentata consapevolezza delle donne.

Le donne straniere cominciano a costituire una fetta significativa della nostra popolazione femminile: sono circa la metà degli immigrati, oltre 2,5 milioni. Alcunedi esse, soprattutto in alcune comunità etniche, sono sostanzialmente escluse dall’accesso alle cure e soprattutto alla prevenzione, per questioni per lo più culturali e sociali, anche se il nostro Paese è tra quelli che offre i servizi sanitari urgenti e quelli legati alla sfera materno infantile a tutte, anche a chi vive in una condizione di irregolarità, in considerazione dell’altissimo valore della vita umana e della tutela della salute, riconosciuto come diritto fondamentale nella nostra Costituzione.

Concetta MIRISOLA – INMP

Cristina Tumiati

Avv. Paola Lattes Telefono Rosa

Ornella OBERT Gruppo Abele

Dott.ssa Manila Bonciani

Dottt.ssa Vittoria DORETTI -ASL Grosseto

Dott.ssa Alessandra KUSTERMANN

Prof.ssa Caterina ARCIDIACONO – UNIV. NAPOLI

Francesca GASPARI – COOP PARSEC

Laila Abi AHMED -NOSOTRAS

Laura Berti TG2

Gaia Giorgetti “F”